Tu sei qua : Home page > Lo sport > Francesco De Angelis

Francesco De Angelis

Il purista

Il napoletano Francesco de Angelis è una figura di primo piano della vela italiana, un gentiluomo che non fa mistero della sua ammirazione per i suoi ex avversari - il team neozelandese sostenuto da Nespresso - e che ama condividere la sua passione per le barche, le gare e il mare.


Francesco De Angelis ha partecipato a tre edizioni dell’America’s Cup: la prima, quella del 1999-2000, brilla nei suoi ricordi come lo scafo argentato di Luna Rossa, la barca da lui timonata.

Migliaia di tifosi infervorati seguirono sui loro schermi la vittoria del velista partenopeo nella Louis Vuitton Cup, al termine di un acceso scontro nelle acque di Auckland, Nuova Zelanda. “Una lotta accanitissima”, ricorda lui stesso. A oggi Francesco De Angelis è l’unico skipper italiano ad aver partecipato alla finale dell’America’s Cup. Un’impresa di cui parla senza millanteria, e che ricorda con lo stesso orgoglio con cui in gioventù vinse i primi trofei, pescati – letteralmente – dal Mediterraneo. La sua combattività in acqua, il suo fascino discreto e la sua delicatezza sulla terraferma fanno di lui l’esempio perfetto dello yachtman dei tempi moderni. Dotato di una classe naturale. “È un gentiluomo”, dicono quelli che hanno lavorato con lui. “Non so esattamente cosa significhi”, risponde con modestia l’interessato. “Immagino che lo scopo di tutti sia quello di migliorarsi. Se essere gentiluomo vuol dire essere educato, giusto e onesto, allora sì, è questo l’ideale verso cui tendo.”

A 52 anni, De Angelis è ancora iscritto al circolo velico della sua infanzia (il CRV Italia di Napoli). Solca ancora le onde, ma non necessariamente alla ricerca della Coppa. Una nuova squadra azzurra si sta allenando senza di lui per la 34° edizione ad Auckland, in compagnia della Emirates Team New Zealand, l’avversario di un tempo, oggi divenuto compagno di allenamento. Da bravo tifoso italiano, Francesco De Angelis ha nel cuore la squadra nazionale. Eppure, il suo cuore batte anche per i vecchi avversari di una volta. Prima di tutto perché i neozelandesi, meglio noti come “Kiwi”, sono “i più preparati”, come ammette lui stesso. Ma anche perché nei sei anni trascorsi nel paese della lunga nuvola bianca ha avuto modo di stringere rapporti saldi con loro. Tra il 1997 e il 2003 i due figli hanno frequentato le scuole ad Auckland e lì hanno anche imparato a giocare a rugby, sport che continuano a praticare a Milano. Nel 2000 il governo neozelandese lo ha insignito del titolo di Ufficiale onorario al merito. Infine, in Nuova Zelanda la famiglia De Angelis ha scoperto una serie di affinità con lo stile di vita neozelandese, una specie di dolce vita agli antipodi. “I neozelandesi vivono molto all’aria aperta, in un ambiente favoloso. Dedicano moltissima energia al lavoro, che affrontano con molta serietà, ma riconoscono anche l’importanza del resto, dalla famiglia agli amici. È un ottimo equilibrio.” Ciliegina sulla torta, i neozelandesi sono anche grandi amanti dell’Espresso corto, ristretto. “Ma non solo per il piacere di bere del buon caffè. Ciò che conta per loro è condividerlo in buona compagnia.” Condividere e comunicare la propria passione: è questa la missione che Francesco De Angelis svolge nelle vesti di ambasciatore della vela per Nespresso, nei momenti in cui non è indaffarato con il suo programma sportivo. Ciò che ama più di ogni altra cosa sono i principi che scandiscono la vela: misurarsi con gli elementi dell’aria e dell’acqua, prevedere il cambiamento del tempo, sviluppare strumenti tecnologici, far prova di disciplina, riflettere, prendere decisioni strategiche e, soprattutto, mantenere in vita il legame con la natura. In futuro non gli dispiacerebbe ritornare a una vela scevra di sovrastrutture e competere su imbarcazioni semplici, con figli e amici. Un ritorno alle origini.


Francesco De Angelis



Nasce a Napoli l’11 settembre 1960, ha due figli e vive a Milano.

TITOLI: 6 volte campione del mondo. Vincitore della Admiral’s Cup nel 1995.

LA SAGA AMERICA’S CUP - LUNA ROSSA

2000: Vince la Louis Vuitton Cup. Arriva nella finale dell’America’s Cup contro la squadra Team New Zealand. Viene insignito del titolo di Funzionario dell’Ordine Nazionale al Merito neozelandese.

2003: Arriva alla semifinale della Louis Vuitton Cup.

2007: Arriva alla finale della Louis Vuitton Cup contro Emirates Team New Zealand.


Nespresso e l’America’s Cup



Da circa dieci anni Nespresso è il partner ufficiale dell’America’s Cup. In occasione della 34° edizione, che si disputerà quest’estate a San Francisco, Nespresso sarà il Caffé Ufficiale della manifestazione. Nell’ambito di questo prestigioso evento, Nespresso sosterrà anche Emirates Team New Zealand.

Per ottenere ulteriori informazioni, visitare il sito  www.nespresso.com/americascup


Testo Camille El Beze Fotografie Francesco Ferri/Seaway/Nespresso e Chris Cameron/ETNZ



LAmericas Cup.

Nespresso

L'America's Cup.

Leggi Leggi

Archivi

Tutto lo sport Guarda Guarda

© Nestlé Nespresso S.A. 2010 . Nespresso Policy . Terms & Conditions . Chi siamo . Credits . Nespresso Websites
Opsone Fcinq