Sei connesso al sito Nespresso IT. Se vuoi ricevere la tua consegna in un altro paese, per favore clicca qui.

Glossario

Glossario

  • ACIDITA'

    L'acidità è un sapore avvertito dalle papille gustative sui lati della lingua. L’acidità è ricercata perché dona vivacità al caffè.
  • NOTE DI AGRUMI O LIMONE

    Ricorda tutti i tipi di agrumi, in particolare il limone e il bergamotto.

  • BARISTA

    Nei bar, questo è il nome dato alla persona esperta nella preparazione dell'espresso e responsabile della preparazione delle ricette a base di caffè: cappuccino, latte macchiato, macchiato, ecc.

  • AMARO

    E' un sapore stimolante percepito sul retro della lingua. L’indivia, il cioccolato fondente e il cacao hanno un sapore amaro abbastanza caratteristico.
  • MISCELA

    Una miscela di vari caffè sulla base dei loro profili sensoriali, di modo da ottenere un Grand Cru con caratteristiche precise ed un aroma armonioso.

  • CORPO

    Con “corpo” si intendono la pienezza, la morbidezza e la consistenza in bocca del caffè. Un caffè corposo risulta denso in bocca, oltre che molto presente. Un caffè che ha poco corpo, invece, viene percepito come acquoso e fluido.
  • NOTA BURROSA

    Richiama i prodotti a base di burro, latte, le note delicate di vaniglia e caramello presenti nei biscotti e nelle torte appena sfornate.
  • NOTA DI CACAO

     Ricorda il cioccolato fondente, il cacao.

  • CAPSULA

    Una volta macinati, i Grand Cru sono confezionati in capsule di alluminio. Completamente ermetiche e per nulla tossiche, le capsule di alluminio assicurano la freschezza del caffè e i suoi 900 aromi per 12 mesi.

  • NOTA DI CEREALI

    Evoca i profumi della crosta di pane, del pane tostato e dei cereali per la colazione. Talvolta richiama anche la frutta secca come noci, nocciole o mandorle.

  • CILIEGIA

    E' il nome dato al frutto della pianta del caffè, contenenti due chicchi di caffè ciascuno. Di colore verde, diventa rosso a maturazione ultimata. Le ciliegie su uno stesso ramo possono crescere e maturare in periodi diversi.
  • PIANTA DI CAFFE'

    La pianta di caffè fa parte della famiglia delle Rubiacee. Solo due specie tra le piante del caffè sono coltivate a scopi commerciali: Arabica (Coffea Arabica) e Robusta (Coffea Canephora).
  • CONTROLLI

    Nespresso si impegna a produrre caffè di alta qualità. Numerose prove di controllo qualità vengono effettuate durante le fasi principali, dalla selezione del caffè verde nel Paese produttore alla produzione in fabbrica delle capsule. Ad ogni fase del processo produttivo (es. tostatura, macinazione e confezionamento in capsule, il caffè subisce i test di controllo qualità di tipo sensoriale, fisico e chimico. Nulla è lasciato al caso.

  • CREMA

    Il sistema di estrazione ad alta pressione delle macchine a sistema Nespresso, combinata con la freschezza e la qualità del caffè, produce naturalmente uno strato di crema denso e liscio. La crema aiuta a rivelare la ricchezza aromatica del caffè subito dopo la preparazione. Aromi floreali tendono ad uscire prima, mentre altri, tra cui i più pesanti, aromi più tostati, sono più lenti ad emergere. La crema è essenziale per liberare e proteggere questi aromi. Una volta stabilizzata, forma una specie di coperchio che impedisce agli aromi più volatili di svanire. La qualità della crema costituisce un'importante prima impressione sull'espresso e influenza naturalmente il modo in cui lo si percepisce, stuzzicando il gusto prima della degustazione.

  • DECAFFEINAZIONE

    Processo naturale o chimico che prevede l'estrazione della caffeina dal caffè verde prima della tostatura. Nespresso utilizza un metodo naturale al 100%
  • METODO A SECCO

    Questo metodo consiste nell'essiccazione della polpa e della buccia della ciliegia, fino ad ottenere un chicco asciutto e che si separa facilemnte dalla polpa. Il caffè verde prodotto con questo metodo si chiama 'naturale' o 'non lavato'.
  • ESPRESSO

    La tecnologia Espresso è stato creata in Italia nel 1903 quando Luigi Bezzera, volendo estrarre il caffè più velocemente, inventò il principio di "percolazione ad alta pressione". Il nome "espresso" deriva quindi dalla parola italiana "esprimere". La preparazione di un vero espresso consiste nel passaggio forzato di acqua ad alta pressione attraverso il caffè macinato, per estrarne in maniera veloce la sua essenza. Espresso non è solo il nome di un caffè o della dimensione di una tazzina. Un espresso è riconoscibile principalmente dalla densità del suo corpo, dalla ricchezza dei suoi aromi, da una presenza persistente sul palato e dallo spessore della "crema", generati dall'estrazione ad alta pressione.

  • AROMA

    La sensazione generale che si ha in bocca quando si beve un determinato caffè.
  • NOTA FRUTTATA E DI VINO

    Ricorda il vino e si avvicina al sapore dei frutti rossi (ribes nero, uva, fragola e lampone).
    A volte è associata ad altre note fruttate come l’albicocca, la mela, la prugna, la pera e la pesca.
  • CAFFE' VERDE

    Questo è il nome attribuito ai chicchi di caffè dopo che sono stati raccolti e lavorati, ma non ancora tostati. E 'in questa forma che il caffè viene consegnato a chi lo commercializza, come Nespresso.
  • MACINATURA

    Operazione che consiste nel ridurre il chicco di caffè appena tostato in polvere. La macinatura è un fattore che influenza il tempo di estrazione del caffè e il suo profilo aromatico.
  • INTENSITA'

    L'intensità del caffè è definita in funzione del grado di torrefazione (che sviluppa le note tostate), del corpo e dell’amaro. È invece assolutamente indipendente dalla percentuale di caffeina presente nel caffè.

  • CAFFE' ESPOSTO AI MONSONI

    In India, quando il caffè verde è esposto a monsoni, i chicchi si gonfiano e assorbono l'umidità dando al caffè un aroma ricercato.

  • PICKING

    E' la raccolta delle ciliegie di caffè, fatta interamente a mano per garantire che vengano raccolte solo le ciliegie mature.

  • NOTA TOSTATA

    Si sviluppa con la torrefazione e ricorda il profumo di caffè torrefatto che si sprigiona durante la preparazione del caffè.
  • TOSTATURA

    Operazione che consiste nel 'tostare' i chicchi di caffè verde e consente ai suoi aromi di svilupparsi. La torrefazione viene effettuata prima della macinatura.
  • OLFATTO

    Anche prima di degustare un espresso è possibile assaporare i suoi aromi.
    In un primo momento sentirai le note più leggere,  floreali per Vivalto Lungo, di limone per Cosi, di frutti rossi per Decaffeinato.
    Mescolando il caffè, questo rilascerà note più decise e tostate, come quelle di cereali per Capriccio, legnose per Roma o di cacao per Arpeggio.
  • CAFFE' DI UNA SINGOLA ORIGINE

    Caffè che proviene da una sola piantagione e che non è stato miscelato a caffè di altre origini. 
  • STRIPPING

    Metodo di raccolta delle ciliegie di caffè, strappando tutto ciò che è presente sul ramo (ciliegie, steli e foglie); la scelta delle ciliegie verrà fatto più tardi.

  • CAFFE' LAVATO

    Questo termine si riferisce al caffè verde che è stato trattato con il metodo ad umido.
  • METODO A UMIDO

    Con il metodo ad umido, le ciliegie vengono prima lavate e separate. La polpa e la mucillagine vengono rimosse solo dai frutti maturi prima che vengano lavati e asciugati. Il caffè verde prodotto si chiama 'lavato'.

  • NOTA LEGNOSA

    Ricorda l’odore di legna secca, la matita di legno, i prodotti invecchiati in botti di rovere. A volte è associata a note di legna resinosa o aromatica come il legno di sandalo.